Home Chi Siamo Dove Siamo Richieste Riflessioni Incontri Convegni

Contattaci 

 

Convegni

Testimonianza

 

«Il mio rapporto con Dio lo vivo attraverso la Fede, la Carità e la SPERANZA. I sensi di colpa, il non accettarsi e non accettare gli altri, sono i maggiori ostacoli che impediscono ad ogni uomo di liberare il cuore alla Speranza; ogni cuore che si chiude alla speranza, si chiude a Dio» …. così Mons. Gaetano Tripodo, durante la sua riflessione sul tema di questo XI Convegno appena trascorso, ci esortava ad aprire il nostro cuore alla Speranza, perché solo così possiamo permettere a Dio di intervenire nella nostra vita. Ma come possiamo aprire il nostro cuore alla Speranza e, quindi all’intervento di Dio? C’è un solo modo: fare esperienza di Comunità e di Preghiera. E’ su questa riflessione che voglio soffermare la mia attenzione per la testimonianza personale. Sono arrivata in Comunità da quasi due anni e sono arrivata nel periodo forse più difficile di tutta la mia vita. Ho conosciuto persone meravigliose, prime fra tutte Cinzia e Pino, che mi hanno accolta con tanto amore facendomi subito sentire “a casa”. Ho iniziato ad accettarmi, ad accettare i miei sbagli, a liberare il mio cuore da angosce, paure e turbamenti. E’ stato un sorprendente crescendo, alimentato dall’Amore di Dio che si è manifestato nei fratelli e nelle sorelle della Comunità. Ho aperto il mio cuore alla Preghiera che prima d’ora era imprigionata in un cuore di pietra di tutto bisognoso ma per niente speranzoso.

Quante grazie mi ha fatto il Signore!!! L’ultima è stata proprio il Convegno appena trascorso culminato in una esplosione di emozioni, la più forte fra tutte la Preghiera di Effusione dello Spirito Santo, ricevuta Domenica 29 Aprile. Sebbene risulti difficile spiegare a parole la sensazione provata, ho avvertito per la prima volta la vera pace dei sensi!!! Dopo quattro giorni di fraternità e di preghiera è difficile tornare alla routine quotidiana, ma una cosa è certa: si ritorna con animo e cuore palpitante di Gioia e Speranza. Cari fratelli e care sorelle, è vero che la Comunità non ha la soluzione a tutti i problemi della vita, ma ci da gli strumenti per liberare il nostro cuore alla Speranza.

 

«Ho sperato: ho sperato nel Signore ed egli su di me si è chinato …»

 

Alleluia!

 

Stefania Antonuccio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Liturgia

di oggi

 

 

Commento del Vangelo del Giorno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Web Master: Gruppo 2G