Home

Contattaci

Link

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Editoriale VIII Convegno Nazionale

Di Carla Siragusano

 

Dal 30 aprile al 3 maggio 2015 la Comunità Immacolata del Rinnovamento Carismatico Cattolico ha tenuto il suo  VIII Convegno Nazionale dal tema “Voi sarete il mio popolo e io sarò il vostro Dio” (Ger. 30,22), nel meraviglioso Hotel Costellazioni della Cittadella dell’Oasi a Troina (En).

 

Il Convegno ha avuto inizio  il 30 pomeriggio con il saluto del Presidente Giuseppe Barranco  e della vice Presidente Cinzia Riccardi, i quali hanno accolto i fratelli e le sorelle presenti nella splendida sala Lazzati  e presentato il Convegno.

 

Dopo  l’accoglienza di tutti i partecipanti vi è stata la preghiera comunitaria, in cui il Signore ha unto col Suo balsamo d’Amore ogni cuore.

Alla preghiera è seguita la celebrazione Eucaristica presieduta da Don Stefano De Paola, Presbitero della Diocesi di Ugento Santa Maria di Leuca, il quale si è soffermato nell’Omelia sulla potenza salvifica di Dio che , da una parte , manifesta tutto il Suo Potere: “Io sono” e dall’altra, pur essendo il Creatore, non si stanca mai di cercare i Suoi figli e di dialogare con loro; perché il dialogo fra noi ed il Padre  è la conditio sine qua non, ossia la condizione necessaria ed indispensabile per ogni conversione e liberazione.

Giorno 1 maggio la regalità di Dio Padre si è manifestata con potenza durante  gli intensi momenti di  preghiera  in cui ogni membro della Comunità , nel dialogo del cuore con il Suo Re, ha sperimentato la forza guaritrice  e liberatrice di Dio, che  ha riempito i cuori della Suo Amore,  sanandoli e liberandoli dalla morte e dalla  tristezza.

La mattina, dopo la preghiera comunitaria,  Giuseppe Barranco, Fondatore e Responsabile della   Comunità "Immacolata", ha esposto ai fratelli la sua riflessione sul  tema del Convegno: “Voi sarete il mio popolo e io sarò il vostro Dio” (Ger. 30,22),  nella quale ha soffermato la propria attenzione sul concetto di “popolo di Dio” rilevando come sia necessario, per essere  “popolo”, amare la Chiesa, la Comunità, il creato, giacché il desiderio di Dio è creare una Comunità nuova, con un cuore nuovo, con una coscienza nuova che sappia vivere con Dio per sempre. Dio, infatti, promette di cambiare unilateralmente il nostro cuore e di mettere dentro la Sua Toràh, ossia la Sua Legge, stipulando  con ciascuno di noi l’ultima alleanza che ci permetterà di conoscere Dio che agisce nella storia come libertà creativa. A tal punto ha evidenziato come sia fondamentale ascoltare, Shemà, la Parola, perché solo ascoltando la Parola la si può accogliere nel cuore che diventa così tempio dell’Amore di Dio.

Alla riflessione del Presidente, è seguita la relazione di Carla Siragusano,“Il Tuo Popolo nella Comunità di Milazzo” in cui si è ricordata tutta la storia della Comunità dal lontano 1987 ad  oggi, soffermandosi peculiarmente sulle meraviglie compiute dall’Amore di Dio in Comunità, dalle guarigioni fisiche a quelle spirituali.

Nel pomeriggio, dopo la preghiera comunitaria in cui la potenza guaritrice di Dio si è manifestata in ogni cuore, la Comunità Immacolata ha avuto la Grazia di ascoltare la relazione “Popolo di Dio, profezia della Chiesa”di Fra’ Alfio Nicoloso ofm. Capp., Dott. In Sacra Teologia Dommatica, Segretario della Provincia dei Frati Minori Cappuccini di Messina, il quale si è soffermato sul concetto di Popolo di Dio riscoperto con il Concilio Vaticano II, diventando uno slogan teologico. Ha  evidenziato come la Chiesa sia Popolo di Dio perché realizza la vocazione universale dell’unificazione di Israele, rilevando come Israele sia di proprietà di Dio, che manifesta la Sua regalità fondata su Dio, Jhavhè, siede come Re sul caos del diluvio. Si è, inoltre, soffermato sul rapporto tra singolo e collettività rilevando come i due non siano contrapposti l’un l’altro, bensì si integrino tra loro nella realizzazione del piano salvifico di Dio.

Alla riflessione è seguita la Concelebrazione Eucaristica presieduta dallo stesso  Fra’ Alfio Nicoloso, Ofm. Capp. il quale nell’omelia si è soffermato sul rapporto tra il Padre ed il Figlio e sull’andare  del Figlio verso il Padre., rilevando come Gesù, che è Via, Verità e Vita, ha  una missione da compiere: condurre ogni cuore a Dio.

Giorno 2 maggio  mattina la Comunità ha vissuto  momenti di intensa preghiera in cui il Signore ha posto il Suo sigillo di Amore in ogni cuore.  Al termine della preghiera  è seguita la riflessione di Fra’ Luigi Saladdino, Ofm Capp., Parroco della Chiesa Santa Maria di Pompeidal tema: “Chiesa, assemblea del popolo di Dio in cammino” il quale si è soffermato sulla continuità e discontinuità tra il Popolo di Israele e la Chiesa popolo in cammino, rilevando come il Popolo di Israele credeva di essere l’unico popolo scelto da Dio mentre la chiesa, popolo di Dio, e per essa tutti noi, crede che nessuno sia escluso dal progetto salvifico di Dio. Ha, inoltre, rilevato come il popolo di Israele sia un popolo di liberati mentre la chiesa è il popolo dei redenti dalla morte di Cristo e, come il popolo di Israele cammina verso la terra promessa, verso la libertà, così noi , Chiesa, camminiamo verso la terra promessa del cielo e siamo sempre pellegrini in movimento; richiamando, a tal proposito, le parole del beato Paolo VI che ha parlato di civiltà dell’amore e della madre patria di tutto il popolo di Dio che è il cielo. Ha, infine,nella piena consapevolezza di essere popolo redento,  esortato tutti a diventare sempre più popolo ministeriale che annuncia l’amore e la misericordia di Dio.

Alla riflessione è seguita la relazione di Caterina Vermo“il Tuo Popolo nella Comunità di Messina” in cui si è reso grazie a Dio per il dono di questa nuova Comunità che dal 2011 ad oggi settimanalmente, nella chiesa della Madonna di Pompei a Messina, si riunisce per rendere lode al Signore!

Alla relazione è seguita la Concelebrazione Eucaristica presieduta da Fra’ Luigi Saladdino, Ofm Capp., il quale nell’omelia si è soffermato sull’importanza di rimanere uniti a Cristo ed in Cristo per poter essere annunciatori autentici del Suo Amore.

Il pomeriggio, dopo un’intensa preghiera comunitaria animata dai ragazzi del Ministero Canti, in cui tutta la Comunità ha lodato con il canto e con la danza il nome Santo del Signore per le meraviglie compiute in ciascuno e per l’immensa potenza di Amore e di Grazia riversati copiosamente in ogni cuore, la Comunità ha ricevuto la grazia di ascoltare la relazione di Cinzia Riccardi Barranco, Fondatrice e Responsabile  della   Comunità Immacolata, sul tema “Voi sarete il mio popolo, Comunità Immacolata!”, iniziando tale relazione sulle note della canzone “Nel blu dipinto di blu”, per mettere in comunione con tutti i fratelli che la Comunità è stata, per lei e per il fondatore Giuseppe Barranco, il loro sogno d’amore, condividendo tale sogno con Dio! Ha, infatti, sottolineato, richiamando le parole di Papa Francesco e di  Martin Luther King “I have a dream” (io ho un sogno),che noi esseri umani siamo il sogno di Dio.  Ha evidenziato, inoltre, come  la Comunità  Immacolata sia un sogno alto che vola nelle alte vette di Dio esortando tutti i fratelli a volare in alto nel e  per il sogno di Dio.

Alla riflessione è seguita la relazione “il Tuo Popolo nella Comunità di Ugento” in cui la responsabile, Pamela Maruccio, ha ringraziato il Signore per il dono della Comunità anche in terra salentina rilevando la potente unzione di Amore di Dio, caratteristica peculiare della Comunità immacolata, presente anche ad Ugento. Anche lì, proprio come a Milazzo e Messina, il Signore, come duemila anni fa, passa e sana, col Suo balsamo di Amore, ogni cuore.

Al termine della relazione la Comunità ha vissuto un momento molto forte di intima comunione con Dio: l’Adorazione Eucaristica, presieduta da Don Stefano De Paola, Presbitero della Diocesi di Ugento Santa Mariadi Leuca, in cui il Signore ha riempito le giare vuote con il Suo Amore fino a farle traboccare e traboccare abbondantemente !!!!

La sera, la Comunità ha vissuto un momento di grande commozione umana e spirituale: “La nostra voce tra il popolo di Dio”; un momento molto intenso in cui alcuni giovani della comunità hanno rappresentato, attraverso alcuni canti e rappresentazioni sceniche, il progetto salvifico di Dio, nel dono continuo: l’eucarestia e nel dono totale ed oblativo di sé: la croce, attraverso la quale ci liberati e redenti, permettendo così che il Suo sogno d’Amore potesse volare alto e trovare in e con Sé, Alfa e Omega,la  piena realizzazione!

Giorno 3 maggio, ultimo giorno del Convegno, la Comunità,  al termine della preghiera comunitaria, in cui il Signore ha a posto il Suo sigillo di Amore sull’intera Comunità, ha avuto la grazia di ascoltare la riflessione di Fra’ Felice Cangelosi Ofm Capp. Ministro Provinciale della Provincia Religiosa di Messina, dal tema “Chiesa, pienezza di Cristo”, nella quale si è soffermato sul concetto di Chiesa pienezza di Dio, rilevando come la pienezza implichi la totalità, la perfezione, l’abbondanza, la completezza. Ha rilevato come il  verbo “compiere” indichi un’azione più completa del “fare” ; è un portare a compimento e ogni essere umano è il compimento di Cristo. Anche il Padre Provinciale ha richiamato la distinzione fra Vecchio e Nuovo Testamento, rilevando come nel Vecchio Testamento  Dio libera dalla schiavitù mentre nel Nuovo Testamento, con l’incarnazione di Gesù nel grembo di Maria, porta a compimento il Suo progetto salvifico, perché noi siamo i liberati e i redenti e siamo il compimento del sogno di Dio!

Il Convegno ha sigillato la sua chiusura con la Concelebrazione Eucaristica presieduta da Fra’ Felice Cangelosi il quale nell’omelia si è soffermato sull’importanza dell’unità, essere uno con Dio e con i fratelli, come membra di un solo corpo.

Al termine di questo Convegno tutti noi siamo tornati a casa con la certezza non solo di essere il popolo di Dio liberato e redento ma anche con la consapevolezza di essere il sogno d’Amore di Dio e col proposito di fare della propria vita un epitalamio, ossia un canto d’amore sponsale…un canto d’amore tra Dio ed il Suo Popolo, tra Dio e ogni cuore!!

                                                                                                         Lode a Gesù!!!

 

 

 

 

 

 

 

La Liturgia

di oggi