Home

Contattaci

Link

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Convegni

Editoriale di Pamela Maruccio

X Convegno Nazionale della Comunità Immacolata del R.C.C.

«Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini» (Lc 5,10).

Circa una settimana fa, partivamo da Ugento (Le) per andare a vivere a Brolo(Me), il X Convegno Nazionale della Comunità Immacolata del R.C.C, dal 28 Aprile al 1 Maggio.

 Per chi vive questa “realtà” sa benissimo che il periodo che precede il Convegno è abbastanza faticoso e molto spesso ostacolato da tanti e vari imprevisti che la vita ti presenta, ma lode a Gesù perché a Lui spetta sempre l’ultima parola. Per me personalmente è stato il settimo Convegno ma il primo in questa località meravigliosa sul mare, a Brolo che ha richiamato perfettamente il tema di quest’anno «Non temere, d’ora in poi sarai pescatore di uomini» Lc 5,10) questo succede quando Dio pone la sua firma sul lavoro delle Sue mani. Appena giunti c’è stato il grande desiderio di riabbracciare i fondatori, Cinzia Riccardi e Giuseppe Barranco, che con grande amore e gioia ci hanno accolto, come con grande sacrificio, amore e tanta preghiera hanno preparato questo. Il tempo di sistemare ogni cosa nelle camere, salutare tutti i fratelli, con i quali oltre i momenti di preghiera, abbiamo vissuto momenti di grande fraternità, di confronto anche con una semplice passeggiata sul mare sempre in un clima di amore e preghiera. Ed il X Convegno è cominciato! Ecco arrivato il tanto atteso momento, come consueto si attendeva il discorso di apertura da parte del Presidente, ma con nostra grande sorpresa abbiamo ricevuto il benvenuto da parte di Giovanni Barranco, il figlio dei Fondatori che con grande entusiasmo  ha dato il via alla pesca miracolosa che il Signore avrebbe fatto i questi giorni. Si... il Signore aveva cominciato a gettare la sua rete d’amore su ognuno di noi.

Nella preghiera intensissima lo Spirito del Signore ha cominciato a liberare i nostri cuori e le nostre menti per poter accogliere tutto quello che il Padre già da tempo aveva preparato nel suo cuore. Con la Celebrazione Eucaristica abbiamo ricevuto anche il benvenuto dal Canonico Don Paolo Impalà, Assistente Spirituale e Referente Diocesano della Comunità. Nelle preghiere comunitarie il Signore, come dice la Scrittura, ha compiuto miracoli e prodigi e lo posso testimoniare personalmente: il Suo Amore di Padre ha spazzato via ogni tenebra. Oh Signore quanto è grande il Tuo Amore e ce lo ricordavi ogni volta che guardando il mare non ne vedevamo la fine. Gloria al Signore! Che dire delle varie riflessioni corpose e profonde, come un amo il Signore le gettava nel nostro cuore. La riflessione del Presidente Giuseppe Barranco che ha analizzato il tema generale “Non Temere...” questa la parola che il Signore ci dava come slancio per tutti questi giorni e che come diceva il Presidente “Non Temere” è stata la parola che lo Spirito ha impresso come sigillo nel nostro cuore per darci la caparbietà e il coraggio di Pietro che non si scoraggiò per non aver preso nulla, ma sulla Parola del Signore gettò la rete!  Questo Convegno ci ha donato la grazia di avere insieme a noi Mons. Gaetano Tripodo , Vicario Generale dell’Arcidiocesi di Messina Lipari S. Lucia del Mela, un grande amico dei nostri Fondatori, che ci ha fatto riflettere su chi siamo noi, popolo di Dio che deve annunciare deve uscire, ma prima di tutto per poter fare questo deve stare con Gesù e riempirsi di Lui. Così la riflessione di Cinzia Riccardi Barranco sempre molto carica, ricca di entusiasmo, tenacia e gioia nello Spirito, quella gioia appunto che deve essere il Carisma per eccellenza di noi cristiani che apparteniamo alla Comunità Immacolata, gioia che non è semplice “allegria” ma consapevolezza che Dio è con noi! Ci siamo poi ancora arricchiti con la presenza dei frati minori cappuccini, Fra Luigi Saladdino Ofmcap. , Superiore del Convento di Nicosia, facendo riferimento come anche gli altri, sul documento Evangelii Gaudium di Papa Francesco “ Tutto ruota intorno all’incontro con il Signore, perché se lo abbiamo incontrato non possiamo non testimoniarlo ”. Il carissimo amato Fra Felice Cangelosi Ofmcap. Ministro Provinciale della Provincia Religiosa di Messina, che con il suo vocione fermo e deciso ha scosso un po’ tutti, dicendo che alla fine chi veramente segue il Signore  è destinato alla solitudine e al martirio e che per seguire il Signore bisogna essere molto coraggiosi e decisi senza scendere a compromessi. In comunità abbiamo l’esempio vivente dei nostri Fondatori! A tutti questi sacerdoti, ai quali i nostri fondatori sono legati da grande affetto e stima reciproca, è stato dato in dono una bellissima targa con inciso sopra il tema del convegno con il nome proprio del sacerdote che lo riceveva. Nell’alternarsi delle preghiere e delle relazioni, vi era un momento chiamato “Ricordando i dieci Convegni” dove alcuni fratelli hanno espresso il loro ricordo nei vari anni di comunità e come il Signore ha cambiato e ancora sta cambiando la loro vita, grazie fratelli per l’emozione che ci avete trasmessa. L’ultima sera, Cinzia insieme al Ministero canti, che sono stati meravigliosi donandoci non solo il suono ma note di amore, ci hanno fatto tornare dietro nel tempo, insieme a delle foto che Cinzia e Giovanni hanno raccolto per donarcele e farci ricordare le meraviglie che il Signore ha compiuto in questi dieci anni. In questo prezioso momento “Ascolta e vai: sarai pescatore di uomini”, Cinzia con le sue meditazioni spontanee, ha raccolto tutto quanto il Signore aveva compiuto e ora diceva ad ognuno “ Vai...non temere, Io sono con te”. Nell’ultima preghiera comunitaria del lunedì, il Signore ha realizzato quanto espresso nella grafica del manifesto, eravamo tutti, insieme a Lui in questo mare d’amore, che come il liquido amniotico protegge e nutre il bambino nel grembo materno, così il Padre stava facendo con ognuno di noi, donandoci la sua rete quella dell’amore in una vita nuova. Voglio concludere questo mio piccolo pensiero ringraziando il Signore, grande e meraviglioso Dio, i nostri fondatori perché sono stati loro, scelti da Lui come ami, che ci hanno pescato e ci hanno fatto conoscere e sperimentare la potenza dello Spirito Santo e lo voglio fare con queste parole. “Andremo e annunceremo che in lui tutto è possibile, che nulla ci può vincere, Perché abbiamo udito le sue parole, Perché abbiamo visto vite cambiare e Perché abbiamo visto l’amore vincere!!”.

Alleluia!!

 

 

 

 

 

 

 

 

Preghiera del Giorno